15.03.2024 topic articolo

La pacciamatura

La pacciamatura, naturale, biodegradabile o artificiale, è cruciale nell'orticoltura per controllare le erbacce, ridurre la perdita d'acqua e mantenere il terreno soffice. La posa di un telo facilita la preparazione del terreno per il trapianto di ortaggi. Incorporare il concime prima della pacciamatura è consigliato per garantire un apporto nutritivo adeguato.

thumbnail-post

La pacciamatura è un’operazione che si svolge spesso in ambito orticolo, si suddivide in tre tipologie:

  • Naturale: per esempio attraverso l’uso paglia, erba tagliata o cippato
  • Biodegradabile: attraverso l’uso film biodegradabili
  • Artificiale: attraverso l’uso film plastici o teli anti-alga.

 

Questa tecnica ha diverse funzioni molto utili nella gestione di un orto:

  • Inibire la crescita delle erbe infestanti
  • Diminuire la perdita di umidità
  • Ridurre il dilavamento dell’acqua
  • Mantenere il terreno soffice
  • Se organica: arricchire il terreno di sostanza organica

 

Vediamo adesso come effettuare la posa di un telo in PVC o biodegradabile sulla proda di un orto:

  1. Eseguire un piccolo solco di fianco a tutti i lati della proda
  2. Nel centro della proda si posa la manichetta per l’irrigazione a goccia
  3. Si stende in seguito il telo pacciamante sulla proda
  4. Si inizia ad interrare il telo, inizialmente sulle testate
  5. Infine, si interrano anche i lati più lunghi della proda e si eseguono dei fori sul telo con bucatelo a gas o con una semplice trapiantatrice, in previsione della messa a dimora delle piantine.

 

La proda è adesso pronta per accogliere le nostre piantine, marzo è il mese ideale per il trapianto di ortaggi come le biete da costa, le lattughe, le cipolle e i cavoli.

 

Consiglio:

una volta posata la pacciamatura è più difficile incorporare il concime nel terreno per cui è importante ricordarsi di incorporare almeno una parte del concime prima di stenderla. Noi consigliamo le bioperle Orto, Frutta e Giardino.

 

Autori

Filippo Corbetta, Elia Banfi, Riccardo Viganò, Stefano Mercuri